10 gennaio
Storia di Marco, il chirurgo in sedia a rotelle che ha lottato per continuare a operare

Storia di Marco, il chirurgo in sedia a rotelle che ha lottato per continuare a operare
10 gennaio 2017

Marco Dolfin, chirurgo di 34 anni, non si è arreso e dopo il terribile incidente che lo ha costretto sulla sedia a rotelle, ha deciso di continuare a operare.Marco, il “chirurgo-paziente” sulla sedia a rotelle Agganciato a una struttura che lo sostiene verticalmente, ha indossato di nuovo i guanti e ha ricominciato il suo lavoro di medico-chirurgo all’ospedale Ospedale San Giovanni Bosco di Torino.   Nel 2011 giunge nel reparto traumatologia come paziente. Riesce a spiegare che fratture ha subito e le avverte nelle gambe, ma al risveglio dopo l’operazione ha perso completamente la sensibilità dalla vita in giù: un ematoma gli comprime il midollo. Marco si era sposato poco prima del terribile incidente che ha radicalmente  cambiato la sua vita.  Marco e Samanta, sua moglie, passano così  il primo anno di matrimonio dentro l’unità  spinale, dove il giovane chirurgo ortopedico ha intrapreso un durissimo percorso di riabilitazione. L’obiettivo principale é stato recuperare in pieno l’equilibrio del tronco.Marco non ha mai perso la fiducia in se stesso, e si era da subito prefissato uno scopo ben preciso: tornare a fare il suo mestiere, in sala operatoria. E grazie alla sua incredibile volontà, ce l’ha fatta.



Commenti