19 novembre
Potendo scegliere allattare è meglio

19 novembre 2016

1. Riduzione del rischio di cancro al seno

L’allattamento al seno ridurrebbe il rischio di cancro al seno per la mamma. Questo è quanto dichiara Freda in merito: “C’è una diminuzione del 4% del cancro al seno nelle mamme che allattano”. Questa percentuale potrebbe sembrare irrisoria, ma anche un piccolo numero rappresenta comunque un passo nella giusta direzione.

2. Il latte materno è molto nutriente per il bambino

Il latte materno è l’ideale per il corpo del neonato. Nei primi giorni dopo la nascita infatti, il corpo materno produce colostro, detto anche primo latte, che è altamente nutriente e diverso dal latte che produrrà in seguito. Questo quello che dice Freda in proposito: “Il colostro è estremamente salutare per il fegato, intestino e il sistema immunitario del bambino. Questo “primo latte” aiuta a preparare il bambino per il mondo esterno all’ospedale.

3. Allattare può essere un grande aiuto per il fisico della donna dopo il parto

Dopo il parto, come potete immaginare, il corpo della neo mamma è piuttosto provato dall’esperienza, e allattare aiuta un più rapido processo di ritorno alla normalità. Secondo Freda infatti, allattare sin da subito permette all’utero di tornare più rapidamente al suo stadio normale.

4. L’allattamento aiuta a produrre ancora più latte

Non preoccupatevi di rimanere senza. Finché il piccolo viene allattato, i vostri seni continueranno a produrre più latte. L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda l’allattamento al seno per i neonati per i primi sei mesi, ma molte madri di oggi vogliono allattare per un periodo più lungo. Quindi, non preoccupatevi, il vostro corpo continuerà a secernere il latte materno fino a quando non inizierete lo svezzamento.

5. Aiuta a sviluppare il sistema immunitario del bambino

I bambini appena nati non hanno il sistema immunitario. Gli anticorpi nel latte materno possono aiutare il bambino a costruire le difese naturali del loro corpo in maniera più veloce. Questo è quanto ci dice Freda in merito, “grazie agli anticorpi presenti nel latte materno, soprattutto nei primi sei mesi, si contraggono meno infezioni dell’orecchio e meno gastroenteriti.

6. Riduzione del cancro ovarico

L’Ovarian Cancer Action stima che 1 donna su ogni 54 solo nel solo Regno Unito ha una probabilità di sviluppare il cancro ovarico, e, dal momento che i sintomi di questo male, come l’eccesso di gonfiore, possono non essere percepiti sotto il radar, è anche stato soprannominato il “killer silenzioso”. “Fortunatamente per le madri che allattano”, ci spiega però Freda, “c’è una diminuzione del 27%nel carcinoma ovarico”, percentuali che fanno ben sperare.

7. Aiuta a stabilire un legame profondo tra mamma e bebè

Dopo il parto, le mamme provano spesso un profondo senso di separazione dal proprio figlio, e spesso può essere difficile ricostruire quella speciale connessione con il neonato. L’allattamento aiuta in maniera del tutto naturale a ricreare quel legame del tutto unico.

8. L’allattamento al seno rilascia tutti quegli ormoni della felicità

Gli ormoni possono compromettere seriamente gli stati d’animo di una donna, come ben sappiamo, ma quelli rilasciati durante l’allattamento hanno effettivamente un’influenza positiva sull’umore delle neo mamme. Questo quello che ci dice Freda: “Sappiamo anche da alcuni studi che gli ormoni rilasciati durante l’allattamento danno una sensazione di benessere e protezione alla mamma.”

9. L’allattamento al seno comporta minori rischi di sviluppare il diabete.

L’allattamento al seno può aiutare a prevenire il diabete nelle mamme e nei neonati. Freda ci spiega che “secondo una statistica, la possibilità di contrarre il diabete da parte delle neo mamme diminuisce notevolmente con l’allattamento”. Non solo, ma i bambini che sono stati allattati al seno hanno meno probabilità di sviluppare il diabete durante la loro vita.

10. I bambini che sono stati allattati hanno in futuro meno problemi di peso

L’allattamento al seno può anche aiutare il vostro neonato a mantenere per tutta la vita sane abitudini alimentari. Questo quanto dichiara Freda: “Sappiamo che i bambini allattati al seno sono soggetti a un aumento di peso più lento e meno repentino: l’allattamento infatti, aiuta loro a mantenersi più sazi a lungo”. Questo renderebbe meno probabile il rischio di obesità nel futuro del bambino.

11. Puoi sempre usare il tiralatte e usare il biberon

Anche dopo il parto, non c’è bisogno di essere presente per allattare il vostro bambino, soprattutto negli ultimi mesi. È sempre possibile usare il tiralatte e usare il biberon, ad esempio quando la mamma è al lavoro e il bambino è con una baby-sitter.

12. Non hai bisogno di prepararti fisicamente per allattare durante la gravidanza

Ci sono decine di cose da tenere a mente quando ci si prepara per la gravidanza e la nascita, ma per fortuna, non c’è nulla che si deve fare per preparare il proprio corpo all’allattamento al seno.

13. Esistono dei corsi preparto per imparare le nozioni essenziali in merito all’allattamento

Se siete interessati a saperne di più sul tema dell’allattamento, potete seguire delle speciali lezioni. Questo quanto ci dice Freda in merito: “Quello che vorrei dire alla gente di fare è di frequentare dei corsi preparto in modo che possano imparare a tenere il bambino, e tutte le nozioni base per non imbattersi in difficoltà durante l’allattamento, una volta nato il bebè”.

14.Alcune mamme dicono che aiuta a perdere peso accumulato in gravidanza

Certe mamme giurano sull’efficacia dell’allattamento per perdere il peso accumulato in gravidanza. Di certo, questo non si sostituisce a una buona dieta unita a esercizio fisico costante, ma di certo è un ottimo aiuto.

15. C’è sempre un aiuto!

L’allattamento al seno è molto personale, ma questo non significa che non ci siano persone là fuori in grado di aiutare una donna che allatta. Questo quello che ci dice Freda: “Ci sono molti ospedali che hanno consulenti per l’allattamento, così subito dopo il parto, le neo mamme possono ottenere un aiuto proprio durante il loro primo allattamento, in modo da apprendere subito e in modo pratico tutte le nozioni base”.

16. Puoi sempre provare per un paio di giorni

Molte mamme sono convinte che se non si è intenzionate ad allattare per un tempo prolungato, sarebbe meglio non iniziare del tutto. In realtà, Freda raccomanda, che anche se non si vuole allattare al seno a lungo, si può comunque provare per i primi giorni in ospedale. Si può poi comprendere meglio se si vuole continuare o se è meglio evitare. Nel caso in cui una donna sia impossibilitata ad allattare in maniera naturale, si può comprare il latte materno dalle banche del latte

Fonte: alfemminile.com



Commenti