17 febbraio
ECCO PERCHE’ GLI UOMINI SONO COSI’ FETICISTI DEI PIEDI

ECCO PERCHE’ GLI UOMINI SONO COSI’ FETICISTI DEI PIEDI
17 febbraio 2017

Si chiama foot fetish e nei maschi eterosessuali è molto, molto diffuso. Se uno ti dice che gli piacciono i piedi, i motivi possono essere tanti: forse ha avuto paura di perdere il pisello da piccolo, forse va pazzio dell’odore  selvaggio dei tuoi piedi, forse vuole capire quanti anni hai (farebbe prima a chiedertelo), forse è un po’ masochista. O magari tutte le cose messe insieme. In ogni caso, non scandalizzarti se ti chiede un footjob in barba a tutto quel che spendiamo noi donne in pedicure, come vergini dei piedi non siamo credibili.

MA PERCHÉ IL FETICISMO DEI PIEDI È COSÌ DIFFUSO, COSA CI TROVANO GLI UOMINI DI COSI’ ECCITANTE?

Ecco la risposta secondo una delle indagini più importanti sull’argomento pubblicata nel 2007 sull’International Journal of Impotence Research e condotta da Emmanuele A. Jannini, docente di Endocrinologia e Sessuologia Medica all’università Tor Vergata di Romasu: su circa 5mila persone, i piedi sono il feticcio più frequente, riguarda il 47% delle persone che hanno dichiarato di avere un feticismo legato a una parte del corpo (26% del totale, il gruppo più ampio). «Da un punto di vista biologico ha detto il ricercatore – l’odore animalesco dei piedi riporta a uno stato di natura selvatico e quindi ipersessuale. E poi non bisogna dimenticare che questa parte del corpo è sporca, e quindi eccitante, perché nella nostra testa spesso c’è l’associazione di questi due concetti. Ma c’è anche un altro fattore molto importante: i piedi (e le mani) sono tra le parti meno suscettibili di trucco, parrucco e bisturi ringiovanente. Spesso basta guardare i piedi di un’attrice per capire la sua età biologica. E se è vero come è vero che il maschio è programmato prima di tutto per cercare segnali veri o presunti di giovinezza, ecco spiegato perché i piedi piacciono tanto. Insomma, sono degli indicatori oggettivi e difficilmente falsificabili dell’età di una donna».

 



Commenti