05 settembre
La proposta di Camusso: “Tassa sui grandi patrimoni per aumentare gli stipendi”

La proposta di Camusso: “Tassa sui grandi patrimoni per aumentare gli stipendi”
5 settembre 2016

I dati dell’ISTAT sull’inesistente crescita del PIL, che si scontrano con le previsioni ben più ottimistiche del Governo, non potevano che determinare la ripresa della polemica politica, a tutti i livelli. La proposta di Camusso: “Tassa sui grandi patrimoni per aumentare gli stipendi”

Una proposta prova a lanciarla il segretario della CGIL Susanna Camusso, con una articolata intervista pubblicata su La Repubblica.


Per uscire dalla stagnazione, combattere la deflazione e ridurre le diseguaglianze serve una crescita generale dei salari”, spiega Camusso, aggiungendo la necessità di un “piano di investimenti pubblici e privati”. Il punto è trovare le risorse per finanziare un progetto simile: “La strada è quella di utilizzare la leva fiscale, perché serve un concorso di tutta l’economia. Pensiamo che con misure attente a non colpire il ceto medio si possano recuperare svariati miliardi l’anno […]  pensiamo di tassare solo i grandi patrimoni, non la casa dell’operaio che per comprarsela ha acceso un mutuo”.e13fa9544e32b96cc3c0eb62a29ea6b9c542c102ae40b89435f709a6

Insomma, una patrimoniale per recuperare risorse da reinvestire nella detestazione dei salari (in particolare “gli incrementi dei contratti nazionali che interessano tutti e non solo per quel 20% interessato dalla contrattazione aziendale”), determinando così un aumento della liquidità per i lavoratori e, si spera, conseguenze positive per i consumi. Non convince, invece, l’idea del Governo di detassare gli aumenti nelle aziende legati alla produttività, poiché “riguarderebbe solo una minoranza di lavoratori”. E allo stesso tempo la Camusso riserva parole critiche alle “politiche del bonus con cui il Governo va avanti”: “Si affronta tutto con la logica dell’emergenza.

 Un po’ qua, un po’ là. Si è visto con gli 80 euro, la gente ha prima pagato i debiti poi si è rimessa a risparmiare. Meglio il bonus maternità o un piano per creare più asili pubblici? C’è un nodo irrisolto dalle nostre parti: continuare a farci governare dall’economia e dalle regole o affidare il governo alla politica?”.



Commenti