17 novembre
Facebook sospende la condivisione di dati con WhatsApp

Facebook sospende la condivisione di dati con WhatsApp
17 novembre 2016

Facebook rinuncia alla condivisione dei dati di Whatsapp. Un procedimento attivato negli ultimi mesi a scopo di pubblicitario e che ha destato molte polemiche.

Il social network di Mark Zuckerberg, adesso, non potrà più acquisire informazioni private degli utenti Whatsapp: numeri di telefono, nomi e e altri dati. Dopo il pressing dell’Unione europea e di molti Paesi membri, Facebook ha ceduto alle pressioni dei Garanti europei della privacy. Che sin dall’inizio, ad Agosto, si sono mostrati molto preoccupati sull’utilizzo dei dati degli utenti e avevano chiesto a Zuckerberg & Co di stoppare la condivisione.

Finché ad ottobre scorso è arrivata  una lettera aperta pubblicata dall’Article 29 Working Party (WP29), l’organismo della Commissione Europea che riunisce i rappresentanti delle autorità di tutela della privacy degli Stati Membri. Nel documento, il WP29 criticava l’operazione di Facebook e WhatsApp e chiedeva a Jan Koum, l’ad del servizio di messaggistica, di sospendere la condivisione dei dati “finché non era possibile assicurare agli utenti un’adeguata protezione legale”.

L’utilizzo dei dati ora viene bloccato, ma è certo che Facebook non si arrenderà facilmente e



Commenti