30 dicembre
Curiosità: Due ricerche collegano alcuni geni alla propensione all’infedeltà

Curiosità: Due ricerche collegano alcuni geni alla propensione all’infedeltà
30 dicembre 2016

Infedeltà, tradimenti e storie di sesso: per le donne tutto sarebbe già scritto. Colpa di un gene, posseduto in duplice copia da ciascuno di noi. Le sue combinazioni, sono alla base del comportamento sessuale dei soggetti femminili. La tesi emerge da uno studio condotto dall’Università del Queensland, in Australia, in collaborazione con altri centri di ricerca in Australia, Svezia e Finlandia. Sono stati condotti test su un campione di 7mila donne: è venuto fuori che in quelle che avevano avuto esperienze di infedeltà si riscontrava una variante del gene AVPR1a. Chiaramente gli scienziati non ne hanno fatto una regola, ma hanno concluso che la sua presenza aumenta la probabilità di tradimento. Di fattori che portano all’infedeltà ce ne sono tanti altri, questo è solo uno degli agenti (meno) segreti. Secondo gli autori dello studio, questa variante genetica viene trasmessa di madre in figlia.

Quella della Queensland University non è l’unica ricerca sul tema. La State University of New York, ad esempio, ha individuato un altro gene, già collegato in passato a dipendenza da alcol e gioco d’azzardo, che sarebbe fra i ‘colpevoli’ dei comportamenti fedifraghi. Si tratta del DRD4, responsabile del rilascio della dopamina, la sostanza che potrebbe spiegare il piacere dell’infedeltà. “Quello che abbiamo trovato era che gli individui con una certa variante del gene ‘DRD4’ – ha spiegato Justin Garcia, che ha coordinato lo studio – avevano una maggiore probabilità di avere una storia di sesso non impegnato, incluse le avventure di una notte e gli atti di infedeltà”.

Il motivo sembra derivare dal sistema di piacere e ricompensa, dove cioè entra in gioco il rilascio della dopamina. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno esaminato la storia sessuale di 181 giovani adulti. Quelli con la variante genetica avevano il doppio delle probabilità in più di tradire o lasciarsi andare a un’avventura di una notte. Chiaramente lo studio non “giustifica” le trasgressioni. “Questi geni non danno a nessuno una scusa – ha spiegato Garcia -, ma aprono su come la nostra biologia forma le nostre propensioni per una vasta gamma di comportamenti”.



Commenti