22 aprile
Buona giornata con: ‘A mundana di Totò

Buona giornata con: ‘A mundana di  Totò
22 aprile 2017

 

Elena Anticoli de Curtis mostra la laurea in Discipline dello spettacolo che l’Università di Napoli Federico II ha conferito post mortem al nonno Totò. È stato Renzo Arbore a proporre all’ateneo di onorare la memoria dell’attore e poeta con questo riconoscimento perché, ha detto, «ha cavalcato tutte le sfaccettature della recitazione e dell’umorismo»
“Cammina, su, non fare resistenza!”
diceva ‘o brigadiere, e ‘a strascenava.
“Sta storia adda fernì, è un’indecenza!”.
“Chi sa c’ha fatto”- ‘a ggente se spiava.
“C’ha fatto?” – rispunnette nu signore.
“È na povera ddia… è na mundana”.
“E ‘a porteno accussì? Gesù, che core!” –
murmuliaie Nannina ” ‘a parulana “.
“Lassateme… nun aggio fatto niente!”.
“E lass’ ‘a jì – dicette nu cucchiere –
ma vuie ‘e vvedite quanto sò fetiente?”.
“Nce vò nu core a ffà chillu mestiere”.
“Sta purtanno ‘o brigante Musolino” –
se mettette alluccà Peppe ” ‘o Fravaglia”:
“Si ‘o ssape ll’onorevole Merlini
‘o fa ‘a proposta p’ ‘o fa’ avè ‘a medaglia”.
Quase ogne ghiuorno, ‘a povera figliola
approfittava ca na caruzzella
a Nnapule scenneva d’Afragola
pe’ ‘nu passaggio fino ‘a Ruanella.
‘O nomme? Nun ‘o saccio.
Saccio sulo ca ‘e ccumpagne
‘a chiammaveno ” ‘A pezzente”.
Pe sparagnà, ‘a sera, dduie fasule,
e, spisse vote, nun magnava niente!
Cu’ chelle ppoche lire ch’abbuscava
aveva mantenè tutta ‘a famiglia;
e quanno ‘e vvote po’… nun aizava,
steva diuno ‘o pate, ‘a mamma e ‘o figlio.
‘O pate, viecchio, ciunco… into a nu lietto
senza lenzole, cu na cupertella.
E ‘a mamma ca campava pe’ dispietto
d’ ‘a morte e d’ ‘a miseria. Puverella!
A piede o lietto, dinto a nu spurtone,
na criatura janca e malaticcia,
pe pazziella ‘nmano nu scarpone
e na tozzola ‘e pane sereticcio.
Nun appena fuie ‘ncoppa ‘a Sezione,
se mettette alluccà comme a ‘na pazza.
‘E strille se sentevano a ‘o puntone.
“Ch’ è stato, neh? Ched’ è chisto schiamazzo?
Avanti, fate entrà sta… Capinera”-
dicette ‘o Cummissario a nu piantone.
E ‘o milite, cu grazia e cu maniera,
‘a votta dinto cu nu sbuttulone.
“Ah! Sì tu? – dicette ‘o funzionario –
“Si nun mme sbaglio, tu si recidiva?
Si cunusciuta cca a Muntecalvario.
Addò t’hanno acchiappata, neh, addò stive?”.
“All’angolo d’ ‘o vico ‘a Speranzella.
Steve parlanno cu nu marenaro,
quanno veco ‘e passà na carruzzella
Cu dinto don Ciccillo ‘o farenaro.
Don Ciccio fa nu segno: “Fuitenne!
Curre ca sta passando ‘o pattuglione”.
I’ dico a ‘o marenaro: “Iatevenne.
Stu brigadiere ‘o saccio… è nu ‘nfamone” .
“A legge è legge – dice ‘o cavaliere -:
Nun aggio che te fa’, ragazza mia.
I’ te cunziglio: lassa stu mestiere,
e lievete pe sempe ‘a miezo ‘a via”.
“E che mme metto a ffà, signore bello,
‘a sarta, ‘a lavannara, ‘a panettera?
Spisso mm’ ‘o sento chistu riturnello”.
“E truovete ‘nu posto ‘e cammarera!”.
“Signò, dicite overo opuro apposta?
Vulite pazzià? E nun è umano.
V’ ‘a mettisseve dinto ‘a casa vosta
chi… pe disgrazia ha avuta fà ‘a puttana?!”.

 

*Da Antonio de Curtis, Totò. ‘A livella, Poesie napoletane (Gremese 1991).
Source: Donne della realtà

 



Commenti