24 agosto
Benedetto XVI: “Ecco cosa mi portò a lasciare tutto”

Benedetto XVI: “Ecco cosa mi portò a lasciare tutto”
24 agosto 2016

Joseph Aloisius Ratzinger, 265° papa della chiesa cattolica è entrato di diritto nella storia per essere stato l’ottavo pontefice ad aver rinunciato al ministero petrino, il primo in epoca recente.Benedetto XVI: “Ecco cosa mi portò a lasciare tutto”

Ratzinger era diventato vescovo di Roma il 19 aprile 2005 con il nome di Benedetto XVI, succedendo all’amato Giovanni Paolo II.

Il papa tedesco ebbe l’arduo compito di raccogliere l’eredità del Santo Padre polacco, a differenza del suo predecessore, Benedetto si mostrò sin da subito molto più pragmatico e meno incline ai colpi di testa tanto apprezzati messi in scena da Wojtyla. Insomma il papa teutonico è stato un po’ più conformista.

Nonostante l’età che avanzava, Ratzinger continuava a svolgere il suo compito di capo della chiesa, sino all’11 febbraio 2013 quando prese la clamorosa decisione di lasciare anzitempo il pontificato in favore dell’attuale Santo Padre Francesco. La notizia in poco tempo fece il giro del mondo e attorno alla figura di Benedetto XVI, che divenne il papa emerito, si addensarono strane nuvole.

 

PapiDa più parti, infatti, cominciò a circolare la voce che il papa tedesco avesse deciso di “abdicare” in seguito ad alcune pressioni di un’ala della chiesa in disaccordo con le sue politiche. Oggi però, ad oltre tre anni da quella clamorosa decisione, il Papa emerito ritorna a parlare di quella decisione è fa finalmente chiarezza: “Durante il viaggio che intrapresi nel 2012 in Messico e a Cuba sperimentai una pesante stanchezza. Toccai i limiti del mio fisico e mi accorsi di non poter più sostenere il peso di tale compito. Alle porte c’era la Giornata Mondiale della Gioventù del 2013 da tenere a Rio de Janeiro e allora decisi di farmi da parte. Con papa Francesco ho un rapporto davvero speciale, di comunione e di amicizia. Mi fa sempre molti regali e mi manda lettere autografe. Inoltre, prima di ogni viaggio non manca mai di venirmi a trovare qui al monastero Mater Ecclesiae dove risiedo e mi dedico allo studio, al riposo e alla preghiera.

Questo non è un bel momento per il mondo, in una situazione di crisi, l’atteggiamento migliore è quello di mettersi davanti a Dio con il desiderio di ritrovare la fede per poter proseguire nel cammino della vita”.



Commenti