X

Barzellette per alcolisti parte 1

    Categorie: Barzellette

Due scozzesi sono cresciuti insieme nello stesso villaggio. Sono sempre stati molto amici e abitano l’uno di fronte all’altro. Un giorno uno dei due si ammala di cancro ed e’ moribondo sul letto di morte circondato dai suoi parenti ed amici. Ad un tratto chiama il suo amico d’infanzia e gli dice: “Angus, ho un ultimo desiderio da chiederti prima di morire”. “Certo, – gli risponde l’amico – puoi chiedermi qualsiasi desiderio ed io lo esaudiro’ “. “In salotto conservo gelosamente una bottiglia di pregiatissimo whiskey, imbottigliato nello stesso anno in cui sono nato.

Vorrei che dopo la mia morte quando saro’ sepolto sotto terra tu versi questa bottiglia di whiskey sulla mia tomba in modo che le mie ossa si imbevano di tale nettare e gioiscano per tutta l’eternita’”. E Angus: “Caro amico mio, quello che mi chiedi e’ veramente una cosa degna del nostro spirito scozzese. Senz’altro versero’ il whiskey … ma, posso prima farlo passare attraverso i miei reni?”.

Un rappresentante di vini una sera riceve una telefonata: “Ce l’ha una bottiglia di Chianti del 59? “. “Certo “. “Ma proprio del 59? “. “Certo, io le ho di tutte le annate! “. “Bene, allora se la infili dove dico io! “.

Dopo di che il tipo riattacca e il rappresentante incavolato nero se ne va a letto bestemmiando. Dopo mezzanotte suona di nuovo il telefono: “Pronto? Qui e’ la stazione dei carabinieri. Per caso le ha telefonato un maniaco che le ha chiesto se aveva una bottiglia di Chianti del 59? “. E il rappresentante di vini: “Si’, certo, e mi ha anche detto ‘se la infili dove dico io’ !”. Il brigadiere allora gli chiede: “E questo quanto tempo fa e’ successo? “. “Ma, circa 4 ore fa”. E il tipo al telefono: “Beh, allora se la puo’ togliere; ora e’ sicuramente a temperatura ambiente! “.

TEORIA DEI NEURONI: Una mandria di bufali si puo’ muovere tanto rapidamente quanto e’ la velocita’ del bufalo piu’ lento, e quando la mandria e’ cacciata, sono i bufali piu’ lenti e ammalati che sono alla fine del gruppo che muoiono per primi. Questa e’ una selezione naturale valida per la mandria considerata un tutt’uno, visto che la velocita’ generale e la salute dell’assieme migliora con la morte regolare dei suoi membri piu’ deboli. Alla stessa maniera, il cervello umano puo’ operare tanto velocemente quanto i neuroni piu’ lenti.

Il consumo di eccessivo di alcol, come tutti sappiamo, distrugge i neuroni, ma naturalmente attacca in primo luogo i neuroni piu’ deboli e lenti. In questo senso il consumo regolare di birra elimina i neuroni piu’ deboli, rendendo costantemente il cervello una macchina piu’ rapida ed efficiente.

Il risultato di questo profondo studio neurologico verifica e convalida la relazione causale fra le uscite festaiole del fine settimana e il rendimento dei consulenti, matematici, ingegneri, economisti, avvocati, progettisti, etc. Allo stesso modo si spiega il perche’ dopo pochi anni aver finito l’universita’ e contratto matrimonio, la maggior parte dei professionisti non possono piu’ mantenere i livelli di rendimento dei neolaureati. Solo quei pochi che persistono nello stretto regime di consumo vorace di alcol possono mantenere i livelli intellettuali che avevano durante i loro anni di studente universitario. Mentre il nostro Paese sta perdendo il suo potenziale intellettuale, noi non possiamo rimanere in casa senza fare nulla. Andiamo al bar!! Beviamo litri e litri!!

La tua azienda e il tuo paese necessitano che tu sia al massimo e tu non puoi negarti alla carriera che ti sta davanti. Animo! Non tenerti questa informazione solo per te ma dividila con tutte le persone che stimi. In questo modo stai collaborando per costruire un paese migliore. Ciao a tutti e spero che vorrete prendere provvedimenti adeguati per la salvezza delle migliori teste pensanti.

Presi la bottiglia ed andai in camera mia. Mi spogliai tenni le mutande ed andai a letto: era un gran casino.

La gente si aggrappava ciecamente a tutto quello che trovava: comunismo, macrobiotica, zen, surf, ballo, ipnotismo, terapie di gruppo, orge, ciclismo, erbe aromatiche, cattolicesimo, sollevamento pesi, viaggi, solitudine, dieta vegetariana, India, pittura, scultura, composizione, direzione d’orchestra, campeggio, yoga, copula, gioco d’azzardo, alcool, ozio, gelato allo yoghurt, Beethoven, Bach, Budda, Cristo, meditazione trascendentale, succo di carota, suicidio, vestiti fatti a mano, viaggi aerei, New York City, e poi tutte queste cose sfumavano e non restava niente. La gente doveva trovare qualcosa da fare mentre aspettava di morire. era bello avere una scelta: Io l’avevo fatta da un pezzo la mia scelta. Alzai la bottiglia di vodka e la bevvi liscia. I russi sapevano i fatti loro. (Charles Bukowski)

Un uomo beve una bottiglia di whisky ogni giorno, per anni e anni. Sua moglie, ad un certo punti, riempie due bicchieri, uno di acqua e uno di whisky e li mette di fronte al marito. Poi prende una scatola, ne estrae un verme, lo mette nel bicchiere con l’acqua e il verme nuota. Poi prende un nuovo verme, lo mette nel bicchiere con il whisky e il verme muore immediatamente. Al che la donna punta l’indice verso il marito e gli fa: “che cosa ti insegna questo??”. “Che se bevo whisky, non avro’ i vermi!!”

 

Un polacco, un russo, un americano, un inglese e un canadese si persero in una foresta nel bel mezzo dell’inverno. Seduti davanti a un fuoco notarono un branco di lupi che li osservava con occhio affamato. L’inglese si offrì di sacrificarsi per il resto del gruppo. E sparì nella notte. L’americano per non essere da meno dell’inglese si offrì per essere la prossima vittima.

I lupi accettarono di buon grado il regalo e lo divorarono. Il russo che si credeva migliore dell’americano annunciò di voler sacrificarsi pure lui. Lasciò il campo e andò a farsi uccidere dal branco di lupi. A questo punto il polacco si aprì la giacca, tirò fuori una mitragliatrice, prese la mira e fece fuori il branco di lupi in pochi secondi. Il canadese stupito chiese al polacco “ma perchè non l’hai fatto prima che gli altri andassero a farsi uccidere?”. Il polacco tirò fuori una bottiglia di vodka dall’altra tasca della giacca sorridendo e dicendo “cinque uomini e una sola bottiglia, TROPPI”

Un contadino si reca a Napoli per affari. La sera si ritira in un albergo dove però si annoia. Allora pensa “tutti quelli che vengono in città la sera vanno a puttane, allora ci vado anche io”. Esce, fa un giro e trova una prostituta che mette in mostra tutte le sue qualità. “Quando vuoi per una notte?”. “250.000”. “Non è un po’ troppo?”. “Se nun te piac’ vai a piazza Municipio dai travestiti”. Lui, che non ha capito tutto il discorso va alla piazza Municipio e vede un bel travesrito. Si avvicina e chiede: “Quanto va il divertimento?”. “100.000 caro”. “Beh”, pensa, “è un prezzo ragionevole”. “Va bene”. “Vieni con me, caro, andiamo a casa mia”. Mentre stanno andando il travestito si accorge che il nostro amico non sa con chi ha a che fare e cerca di farglielo capire. Arrivati a casa, il travestito dice: “Ti va una birra?”. “Si’, grazie”. Mentre apre il frigorifero, dice: “Sai, caro, io non ho la clitoride”. “Non fa niente, mi va bene anche una Peroni”

 

 

 

loading...